Shopping Made in China, si o no?

Shopping Made in China, si o no?

La Cina è una grande potenza, soprattutto commerciale, e che piaccia o no questa è la pura verità. Tra le vie di città e paesi anche qui in Italia si possono facilmente notare negozi di abbigliamento, bar e persino parrucchieri gestiti interamente da famiglie provenienti da questa nazione proponendo prezzi veramente competitivi tanto da mettere seriamente in crisi l’economia e il Made in Italy.

Io stessa quando devo farmi fare la piega ai capelli o il ritocco di colore mi reco in un negozio la cui titolare proviene dal Sol Levante spendendo la modica cifra di rispettivamente 10 e 20 €. Mi rendo conto benissimo che così facendo anch’io contribuisco allo sfacelo dell’Italia e questo onestamente mi spiace davvero tanto ma come tutte le famiglie pure io devo far quadrare i conti e risparmiare quei 20-25 € a seduta mi fa molto comodo.

Anche per quanto riguarda l’abbigliamento spesso acquisto capi provenienti dall’Oriente, specialmente online. In questo settore però se riesco a trovare offerte o prezzi bassi su capi Made in Italy è ovvio che mi butto su questi ultimi ma se ho voglia di comprare qualcosa di sfizioso spendendo pochissimo mi dedico allo shopping -very- low cost online. Sono molti gli e-commerce che propongono vestiti molto carini e originali, alcuni ve li elencherò anche in questo articolo, e mi è capitato spesso di chiedermi quali siano i siti più affidabili perchè quando si compra in rete se il marchio non è conosciuto c’è sempre la paura di acquistare prodotti di bassissima qualità.

Qualche giorno fa sono capitata per puro caso su PandaCheck, motore di ricerca per gli acquisti in Cina. Basta digitare il nome dell’ e-shop di cui si vuole ricevere informazioni che come per magia compare la sua scheda dettagliata in italiano con tanto di descrizione principale, opinione dei gestori della piattaforma, i dettagli sulla spedizione (tempi e modalità di pagamento) e i pro e contro del sito in questione.

Attraverso Pandacheck ho scoperto che MartOfChina è diventato Modlily e sono venuta a conoscenza di negozi online con una buonissima recensione che non conoscevo, come Yesstyle.com.

I miei negozi preferiti ad ogni modo restano Romwe (poca scelta ma capi davvero carini), Oasap e Aliexpress (è molto vasto l’assortimento e ci vuole un pochino per riuscire ad orientarsi al meglio).

Una cosa però è sempre certa: il Made in Italy resta il migliore sia per qualità che per fattura. Purtroppo il periodo poco florido non mi permette di acquistare esclusivamente produzioni italiane e per questo cerco di barcamenarmi come meglio posso, sperando in tempi migliori.

Immagini by Pinterest

Facebook Comments

Mamma, moglie e blogger. Mi piace viaggiare e al tempo stesso restare in casa davanti al mio laptop con una grande tazza di caffè bollente vicino. Amo tutto ciò che è rosa e sono estremamente convinta che spesso un po' di frivolezza sia necessaria per alleggerire le preoccupazioni della vita.

There are 8 comments for this article
  1. Grazia at 12:18

    Devo dire che io spesso ho preso dei prodotti da siti cinesi come per esempio da Romwe e mi sono trovata abbastanza bene. A volte noto che la qualità è simile a quella di molti prodotti che compriamo nei negozi italiani. Per cui 🙂

  2. Camilla at 18:23

    Ormai credo sia impossibile non acquistare capi prodotti in Cina, quindi spesso non c’è differenza da comprare su siti proprio cinesi o su siti che pensiamo essere di altre nazioni!

    XOXO

    Cami

    Paillettes&Champagne

  3. michy px at 6:57

    Io sono del parere che ormai la maggior parte dei prodotti che troviamo in Italia sono made in Cina…certo non hanno la vera qualità italiana ma costano meno e se si cerca bene si trovano anche prodotti carini, io qualche acquisto lo faccio sui siti che hai elencato e mi trovo bene.

  4. Marina Curilov at 16:24

    Ancora non ho avuto modo di acquistare sui siti cinesi, ma sicuramente lo farò un giorno se si presenta l’occasione. Grazie per questi consigli utilissimi, perché non avrei saputo dove iniziare, visto che il numero de e-commerce cinesi è davvero impressionante.

    Marina

    Vivere la Leggerezza con … Naturalezza

  5. Donatella Gaeta at 23:13

    Ma dai! aconoscerlo prima avrei evitato di acquistare cose improponibili (e mini!) provenienti dai siti cinesi e sarei andata sul sicuro su quelli più consigliati da PandaCheck 😉

  6. Nina at 11:11

    sinceramente non compro su questi siti, non sono per niente convinta.