Halloween, tra storia e tradizione

Halloween, tra storia e tradizione

Anche se l’estate e le vacanze sembrano non essersene andate del tutto Ottobre è quasi terminato e l’autunno è una realtà. Se penso a questo periodo in automatico nella mia testa si materializza una zucca, la zucca di Halloween. Tutti sappiamo che questa ricorrenza, festeggiata la notte del 31 ottobre, è molto sentita soprattutto negli Stati Uniti, ma sappiamo davvero quali sono le sue origini?

Ci tocca fare un bel salto indietro e precisamente in Irlanda nel periodo dei Celti. Erano principalmente un popolo di pastori e in questo periodo portavano a valle le pecore per prepararsi all’arrivo dell’inverno. Per loro infatti il 1 novembre coincideva con il primo giorno dell’anno nuovo, che segnava la fine della stagione calda e l’arrivo del periodo freddo -ci si rinchiudeva in casa e le storie e le leggende si sprecavano-.

Questo era considerato un momento molto importante e veniva festeggiato animatamente: le scorte di cibo erano al sicuro, le bestie erano al coperto e al caldo quindi il popolo poteva riposarsi e ringraziare gli dei per tutto questo.

Con l’arrivo dei Cristianesimo questa ricorrenza non fu del tutto cancellata ma venne sovrapposta a quelle nuove della religione monoteista.

I Celti raccontavano che la notte del 31 ottobre i morti tornavano sulla terra. In questo modo l’aldilà si univa al mondo vivente permettendo allo spazio-tempo di deformarsi anche se solo per qualche ora.  Gli spiriti avevano quindi la possibilità di gironzolare indisturbati sulla Terra e l’usanza di accendere fiaccole e lanterne fuori dalle case, lasciando anche del cibo, è data dal fatto che in questo modo essi potevano rifocillarsi senza importunare i vivi.

Questa festività si è diffusa in modo esponenziale con la migrazione di molte persone irlandesi negli Stati Uniti e fu qui che divenne festa nazionale.

Simbolo della notte del 31 ottobre è Jack o’ lantern, la famosissima zucca intagliata. Per conoscere tutta la leggenda vi invito a leggere questo link, è davvero affascinante!

In Italia non si è mai festeggiato Halloween ma negli ultimi anni è diventato un’occasione per banchettare, specialmente per i più piccoli. All’asilo nido di Bianca ci sono tanti bimbi americani e proprio per questo motivo le maestre ogni anno preparano una piccola festicciola il pomeriggio del 31 ottobre, un motivo in più per stare in compagnia.

Questo week end poi mi cimenterò nella preparazione di alcune lanterne di Halloween con dei semplici vasetti di vetro, colori acrilici e un pennarello nero. Mi ispirerò a queste creazioni. Vi segnalo anche i link, nel caso anche voi voleste crearne qualcuna:

http://www.designmag.it/foto/idee-per-illuminare-la-casa-durante-la-notte-di-halloween_12017_3.html

https://www.ohsosavvymom.com/2015/10/diy-upcycled-halloween-village-luminaries-craft/

http://www.riciclocreativo.com/

E voi lo festeggerete Halloween?

Immagine in alto trovata su https://urbanmatter.com

Facebook Comments

Mamma, moglie e blogger. Mi piace viaggiare e al tempo stesso restare in casa davanti al mio laptop con una grande tazza di caffè bollente vicino. Amo tutto ciò che è rosa e sono estremamente convinta che spesso un po' di frivolezza sia necessaria per alleggerire le preoccupazioni della vita.

There are 13 comments for this article
  1. Micol B at 11:19

    che belle queste tradizioni, io personalmente adoro decorare casa e la tavola in base all’occasione.
    Mi piacerebbe molto, però, avere una villetta per dedicarmici a pieno come in America 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *